ARTE FIERA – BOLOGNA 1 – 4 Febbraio 2019

“Con l’edizione 2019, Arte Fiera intraprende un percorso di rinnovamento su tutti i fronti, dall’immagine grafica al public program. È una fiera che fa della propria italianità un punto di forza, ma con uno standard di qualità internazionale; che sfrutta la propria forza sul moderno e l’arte postbellica, ma guarda alle tendenze contemporanee; che rafforza il suo legame con Bologna e la sua regione.” Simone Menegoi, Direttore Artistico di Arte Fiera

Simone Menegoi, Foto: Pasquale Minopoli
Sullo sfondo: Alighiero Boetti, “Ordine e Disordine”, Courtesy of BolognaFiere

La prima parola chiave del nuovo percorso di Arte Fiera è “selezione”. L’edizione 2019 introduce un criterio inedito di partecipazione: le gallerie sono invitate a presentare una scelta ristretta di artisti (non più di tre per gli stand piccoli e medi, fino a un massimo di sei per gli stand più grandi). A ciò, si aggiunge un forte incentivo per gli stand monografici.

Il senso della proposta è chiaro: privilegiare l’approfondimento e la specializzazione, incoraggiando i galleristi a presentare progetti ambiziosi e dal taglio curatoriale.

La risposta degli espositori è stata pienamente positiva, a cominciare dal fatto che circa un terzo delle gallerie partecipanti – una cinquantina – presenteranno degli stand monografici, che spaziano dal Moderno agli artisti emergenti. A sostegno di questa linea verranno messe in campo una campagna di inviti mirata a collezionisti di alto profilo e nuove iniziative riservate ai VIP.

general view – ph. courtesy BolognaFiere

PUBLIC PROGRAM

La direzione artistica di Simone Menegoi porta ad Arte Fiera, oltre a una selezione accurata di gallerie nella Main Section e nella sezione Fotografia e Immagini in movimento, cinque grandi progetti.

Il primo, nel padiglione 26, mette in mostra le gemme artistiche del territorio: la mostra Solo figura e sfondo, a cura di Davide Ferri, riunisce per la prima volta opere dalle collezioni istituzionali, pubbliche e private, di Bologna e della Regione Emilia Romagna. Si tratta del primo episodio di un ciclo che prenderà il titolo complessivo di Courtesy Emilia Romagna.

Il secondo, Oplà. Performing activities a cura di Silvia Fanti, è un programma di azioni che si svolgono in fiera, ai suoi margini e nella città, e comprende lavori di artisti italiani dal profilo internazionale.

Il terzo progetto è dedicato al ruolo formativo dell’arte per i ragazzi: per la prima volta saranno allestiti ad Arte Fiera i laboratori didattici legati al tema “Arte e Scienza” dell’Opificio Golinelli.

Il quarto progetto è un programma di Talk affidato alla rivista Flash Art, che diventa “content partner” a tutto tondo di Arte Fiera. Le conversazioni si concentreranno sull’arte in Italia oggi, sui suoi legami con il passato, sulle sue prospettive per il futuro.

Il quinto progetto, infine, è il primo ad accogliere i visitatori. L’area di ingresso, il Centro Servizi, ospiterà una lounge creata dall’artista Flavio Favelli e dedicata a tutto il pubblico di Arte Fiera.

LE SEZIONI

La fiera si articola in due sezioni, Main Section e Fotografia e Immagini in movimento. La prima spazia dal Moderno e dall’arte postbellica, storici punti di forza di Arte Fiera, fino al contemporaneo di ricerca. La sezione di Fotografia, aperta al video e completamente rinnovata nei contenuti, è affidata alla direzione artistica di FANTOM, piattaforma curatoriale nata tra Milano e New York nel 2009, rappresentata da Selva Barni, Ilaria Speri, Massimo Torrigiani e Francesco Zanot.

MAIN SECTION

10 A.M. ART, MILANO; A+B, BRESCIA; A01, NAPOLI; ABC – ARTE, GENOVA; AF, BOLOGNA; AICA, MILANO, NAPOLI; ANTIGALLERY, MESTRE (VE); ARMANDA GORI, PRATO, PIETRASANTA (LU); ARTEA, MILANO; ARTESILVA, SEREGNO (MB); GALERIE ROLANDO ANSELMI, BERLIN, ROMA; PIERO ATCHUGARRY, GARZÓN, MIAMI; ALESSANDRO BAGNAI, FOIANO DELLA CHIANA (AR); ANTONIO BATTAGLIA, MILANO; BIASUTTI & BIASUTTI, TORINO; BONIONI ARTE, REGGIO EMILIA; BOXART, VERONA; FLORA BIGAI, PIETRASANTA (LU); GIAMPIERO BIASUTTI, TORINO; GIOVANNI BONELLI, MILANO;

General view – P420 Gallery – ph. courtesy BolognaFiere

ALESSANDRO CASCIARO, BOLZANO; ANTONELLA CATTANI, BOLZANO; C+N CANEPANERI, MILANO, GENOVA; CA’ di FRA’, MILANO; CAMPAIOLA, ROMA; CAR DRDE, BOLOGNA; CARDELLI & FONTANA, SARZANA (SP); CARTE SCOPERTE, MILANO; CINQUANTASEI, BOLOGNA; CLIVIO, PARMA, MILANO; CONCEPTUAL, MILANO; CONTINI, VENEZIA, CORTINA D’AMPEZZO (BL); COPETTI, UDINE; CORTESI, LONDON, MILANO, LUGANO; GALLERIA CONTINUA, SAN GIMIGNANO (SI), BEJING, LES MOULINS, HABANA; GLAUCO CAVACIUTI, MILANO; MAURIZIO CALDIROLA, MONZA (MB); MAURIZIO CORRAINI, MANTOVA; DE’ BONIS, REGGIO EMILIA; DE’ FOSCHERARI, BOLOGNA; DELLUPI ARTE, MILANO; DENIARTE, ROMA; DEP ART, MILANO; DI PAOLO ARTE, BOLOGNA; MONICA DE CARDENAS, MILANO, ZUOZ, LUGANO; TIZIANA DI CARO, NAPOLI; UMBERTO DI MARINO, NAPOLI; E3, BRESCIA; EIDOS, ASTI; ERMES-ERMES, VIENNA; FABBRICA EOS, MILANO; FEDERICA SCHIAVO GALLERY, MILANO, ROMA; FORNI, BOLOGNA;

Joe Tilson “Look” 2015 – Galleria Verolino – ph. courtesy BolognaFiere

FRANCESCA ANTONINI, ROMA; FREDIANO FARSETTI, MILANO; RENATA FABBRI, MILANO; STEFANO FORNI, BOLOGNA; GALLERIA DELLO SCUDO, VERONA; GIAN MARCO CASINI GALLERY, LIVORNO; GIRALDI, LIVORNO; GRANELLI, CASTIGLIONCELLO (LI), LIVORNO; GUASTALLA CENTRO ARTE, LIVORNO; GUIDI&SCHOEN, GENOVA; STUDIO GUASTALLA, MILANO; IL CHIOSTRO, SARONNO (VA); IL MAPPAMONDO, MILANO; KANALIDARTE, BRESCIA; LABS, BOLOGNA; L’ARIETE, BOLOGNA; L’ELEFANTE, TREVISO; L’INCONTRO, CHIARI (BS); MATTEO LAMPERTICO, MILANO; ANNA MARRA, ROMA; GALLERIA MAZZOLI, MODENA, BERLIN; MAAB, MILANO; MAGMA, BOLOGNA; MARCOLINI, FORLI’; MARCOROSSI, MILANO, PIETRASANTA (LU), VERONA, TORINO; MARIGNANA, VENEZIA; MAZZOLENI, LONDON, TORINO; MAZZOLI, BERLIN; MENHIR, MILANO; MICHELA RIZZO, VENEZIA; MLZ ART DEP, TRIESTE; MONITOR, ROMA, LISBON; NORMA MANGIONE, TORINO; NUOVA MORONE, MILANO; PRIMO MARELLA, MILANO; NCONTEMPORARY, MILANO, LONDON; NICCOLI, PARMA; OFFICINE DELL’IMMAGINE, MILANO; OPEN ART, PRATO; OPERATIVA, ROMA; OSART, MILANO; NICOLA PEDANA, CASERTA; P420, BOLOGNA; PH NEUTRO, SIENA, VERONA; POGGIALI, FIRENZE; POLESCHI, LUCCA; PROGETTO ARTE ELM, MILANO; PROGETTO ORIENTALESICULA, CATANIA; PROMETEOGALLERY, LUCCA, MILANO; PROPOSTE D’ARTE, LEGNANO (MI); RAFFAELLI, TRENTO; REPETTO, LONDON; RIBOT, MILANO; ROCCATRE, TORINO; ROSSOVERMIGLIOARTE, PADOVA; RUBIN, MILANO; RUSSO, ROMA; GALLERIA SIX, MILANO; MIMMO SCOGNAMIGLIO, MILANO; SPAZIO TESTONI, BOLOGNA; SPIRALE MILANO, MILANO; STUDIO G7, BOLOGNA; STUDIO SALES, ROMA; STUDIO TRISORIO, NAPOLI; STUDIO VIGATO, ALESSANDRIA; SUBURBIA, GRANADA; LUCA TOMMASI, MILANO; TEGA, MILANO; TONELLI, MILANO, PORTO CERVO (OT); TORBANDENA, TRIESTE; TORNABUONI ARTE, FIRENZE, PARIS, LONDON; UNA, PIACENZA; ME VANNUCCI, PISTOIA; PAOLA VERRENGIA, SALERNO; VEROLINO, MODENA; VISTAMARE / VISTAMARESTUDIO, PESCARA, MILANO.

Ettore Spalletti, Mattina, il colore e l’oro, azzurro tenue, 2016 – Impasto di colore su tavola, con cornice a sbalzo su quattro lati in foglia d’oro – Galleria Vistamare – ph. courtesy BolognaFiere

FOTOGRAFIA E IMMAGINI IN MOVIMENTO

BIANCONI, MILANO; CARDELLI & FONTANA, SARZANA (SP); DOPPELGAENGER, BARI; GALLLERIAPIÙ, BOLOGNA; KMØ, INNSBRUCK; LA CITTÀ PROJECTS, VERONA; MATÈRIA, ROMA; MAZZOLENI, LONDON, TORINO; MC2, TIVAT; METRONOM, MODENA; ALBERTO PEOLA, TORINO; P420, BOLOGNA; PODBIELSKI CONTEMPORARY, MILANO; MICHELA RIZZO, VENEZIA; TRAFFIC, BERGAMO; VIASATERNA, MILANO; VISTAMARE / VISTAMARESTUDIO, PESCARA, MILANO; z2o SARA ZANIN, ROMA.

ART CITY BOLOGNA

Dal 1 al 3 febbraio 2019 si svolge la settima edizione di ART CITY Bologna, il programma istituzionale di mostre, eventi e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere in occasione di Arte Fiera. Coordinato dall’Area Arte Moderna e Contemporanea dell’Istituzione Bologna Musei, per il secondo anno consecutivo ART CITY Bologna si svolge sotto la guida di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, con l’obiettivo di articolare una programmazione culturale di alto profilo in affiancamento alla manifestazione fieristica.

La principale novità di questa edizione di ART CITY Bologna sarà la durata più ampia. Il nucleo dei tre giorni del weekend si dilata, infatti, in una vera e propria art week che, a partire dal 25 gennaio, traccerà un calendario di avvicinamento all’apertura di Arte Fiera in programma il 1 febbraio.

Nel segno della continuità, viene confermato il format sperimentato lo scorso anno con successo, con un main program articolato in un evento speciale e una serie di progetti curatoriali – tra mostre, installazioni e performance – che presentano le più varie espressioni delle pratiche artistiche contemporanee.

La configurazione di ART CITY Bologna prevede, inoltre, la sezione ART CITY Segnala, in cui rientrano oltre 70 eventi selezionati da una commissione composta dai direttori artistici di ART CITY Bologna e Arte Fiera, oltre a un rappresentante del Dipartimento Cultura e Promozione della Città del Comune di Bologna.

Torna ad esplorare le molte possibili relazioni, connessioni, sovrapposizioni tra arte e cinema la sezione ART CITY Cinema, con la programmazione di proiezioni cinematografiche al Cinema Lumière a cura della Fondazione Cineteca di Bologna.

Infine, non mancherà uno degli appuntamenti più attesi con la ART CITY White Night: sabato 2 febbraio apertura straordinaria fino alle ore 24 in numerose sedi del circuito ART CITY Bologna, oltre che in gallerie, spazi espositivi indipendenti, palazzi storici e negozi. Programma completo on line da metà gennaio 2019 su: www.artcity.bologna.it

www.artefiera.it

www.bolognafiere.it