Nina Bovasso Sala 1

“L’approccio del creare dal nulla è ciò che più mi diverte”

Mercoledì 29 marzo 2017, alle ore 18, si inaugura presso Sala 1 Centro Internazionale d’Arte Contemporanea (www.salauno.com) «Intrecci di colore», la mostra personale di Nina Bovasso (www.ninabovasso.com), in collaborazione con la Josée Bienvenu Gallery di New York. Un’occasione imperdibile per ammirare le opere di quest’artista newyorkese, già descritte da Virgil de Voldere come rimandi mnemonici alla semplicità di Malevich e alle nuances di Ryman.

Nina Bovasso, Color Pile, 2016 Vernice acrilica e cartone montato su tela, 41.91 x 58.42 x 5.08 cm

Nina Bovasso, Color Pile, 2016 Vernice acrilica e cartone montato su tela, 41.91 x 58.42 x 5.08 cm – Courtesy of Sala 1 Roma

Nina Bovasso nasce e cresce a New York, nel 1992 consegue il suo Bachelor of Fine Arts al San Francisco Art Institute, successivamente frequenta la Skowhegan School of Art e conclude il suo percorso formativo con un master in Belle Arti al Bard College. Le sue opere fin dal 2000 sono state esposte a livello internazionale e ha anche ricevuto molti riconoscimenti, tra cui: Guggenheim Fellowship, Louis Comfort Tiffany Artist Grant, New York Foundation for the Arts Fellowship e Pollock-Krasner Foundation Grant.

Nina Bovasso, White Pastry, 2016 Vernice acrilica e cartone montato su tela, 30.5 x 30.5 cm - Courtesy of Sala 1 Roma

Nina Bovasso, White Pastry, 2016 Vernice acrilica e cartone montato su tela, 30.5 x 30.5 cm – Courtesy of Sala 1 Roma

Nina inizia la sua ricerca pittorica, ricordando la pittura astratta di suo padre e dai disegni grafici di sua madre che lavorava come designer di tessuti. Tali punti di riferimento hanno portato il suo stile a un’evoluzione complessa e raffinata, scaturita in lavori dal gusto sobrio ma deciso. La tela bianca è sostituita dal cartone le cui interruzioni della superficie offriranno numerose possibilità di frammentazione e ricomposizione delle immagini.

Nina Bovasso, Colored Chevrons and Balls, 2015 Vernice acrilica e cartone montato su tela, 27.94 x 35.56 cm Courtesy of Sala 1 - Roma

Nina Bovasso, Colored Chevrons and Balls, 2015 Vernice acrilica e cartone montato su tela, 27.94 x 35.56 cm – Courtesy of Sala 1 Roma

«Le ultime opere di Nina Bovasso sono ritagli di cromie che hanno preso forma dalla sua personale tavolozza di colori dalle tonalità armonizzate e accordate. Le opere di colore bianco sono costituite da intrecci di forme, biomorfe e rettilinee, tagliate da comuni cartoni e fissate sulla tela di gesso.

Ogni singola forma, disposta e intrecciata nello scompaginato di irrequiete griglie, sembra essere in collutta con la sua vicina per avere il predominio sulla scena visiva. Come in una performance si esibisce per lo spettatore, mettendo alla prova la sua forza espressiva in contrasto con le altre.

Dietro la decisa manipolazione dello spazio della Bovasso, coesistono in un distillato la coscienza storica e smaniosa spavalderia. L’atto d’audacia dell’artista, un’irregolare cancellazione, non può smorzare l’acutezza o l’intensità compositiva. Le sue mosse, dure come la roccia, sono dirette ed esilaranti. Nina è una tipa tosta e noi non possiamo che rimanerne incantati». (Virgil de Voldere, gennaio 2016)

Article by Loriana Pitarra