Opening: giovedì 3 maggio 2018, ore 18:00 – 21:00

Perfomance partecipata: sabato 26 maggio 2018, ore 16:00 – 19:00

Esposizione: 4 maggio – 21 luglio 2018

 

La Galleria Moitre è lieta di presentare Number Series, mostra personale di Maya Quattropani caratterizzata da una serie inedita di fotografie analogiche interamente dedicate ai numeri.

L’evento espositivo fa parte del progetto FO.TO. Fotografi a Torino ideato e curato da Andrea Busto per il Museo Ettore Fico di Torino. La galleria ospita per l’occasione una selezione di stampe ai sali d’argento, impreziosite da collage a colori, degli oltre cento scatti raccolti dall’artista su pellicole bianco-nero in diverse aree urbane di Francia, Israele, Italia, Stati Uniti e Svizzera, dal 2015 al 2017.

La catalogazione e l’archiviazione sono caratteristiche tipiche della ricerca artistica di Maya Quattropani che si rivelano inevitabilmente anche in questo lavoro. Il punto di partenza è una collezione di testi automatici e paroliberi dattiloscritti tra il 2012 e il 2017 con la collaborazione di scrittori occasionali differenti per età, background culturali e famiglie linguistiche. La considerevole presenza di numeri emersi nei suddetti scritti ha spinto Quattropani a stilarne una lista e individuare un metodo di rappresentazione visiva. I suoi recenti viaggi in Europa, Stati Uniti e Medio Oriente sono divenuti un pretesto per rintracciare i numeri in elenco, costruire un rapporto tra il taglio d’inquadratura e il tempo di posa, imprimerli su pellicola fotosensibile, rivelarli e fissarli su carta fotografica, giocare sulla relazione tra superficie di rappresentazione e spazio di esposizione.

 

Il lavoro in mostra presso la Galleria Moitre di Torino racconta la prima fase della ricerca di Maya Quattropani focalizzata sull’idea di attribuire un valore estetico ai numeri che circondano la nostra quotidianità per opera del processo ottico-chimico dell’atto fotografico. Il compito successivo è innescare nuove riflessioni sul tema.

 

Sabato 26 maggio 2018 gli spazi della galleria si trasformeranno in una camera oscura temporanea all’interno della quale l’artista realizzerà una performance pubblica finalizzata alla creazione collettiva e guidata di una serie di fotogrammi analogici: i Numbergraphs. Le opere prodotte dalla collaborazione del pubblico – mutato in fotografo occasionale – diventeranno parte integrante della mostra Number Series fino al 21 luglio 2018.

La partecipazione al gioco-azione è gratuita e aperta a tutti.

 

Maya Quattropani (Ragusa, 1983)

Artista visiva, ricercatrice indipendente, insegnante d’arte per il MIUR (Ministero Istruzione Università e Ricerca).

Ha studiato Pittura e Fotografia all’Accademia di Belle Arti Michelangelo Castello di Siracusa; Arti Visive e Performative all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. Lavora in Italia e all’estero con performance art, fotografia analogica, scrittura creativa, collage, assemblage, poesie sonore, installazioni audio e video. La sua ricerca è focalizzata su campi multidisciplinari tra cui Avanguardie storiche, pedagogia sperimentale, psicoanalisi tradizionale, scienze sociali, psicogeografia e sistemi di gioco non-competitivo. Il lavoro a lungo termine dell’artista si presenta come un’opera/archivio articolata in cicli, serie, capitoli, azioni performative, sessioni di gioco, camere oscure (CON), lezioni, laboratori e workshop aperti a tutti. Maya Quattropani collabora dal 2007 con fotografi Fine Art, psicologi, antropologi, etnografi, artisti outsider, archivisti, informatici, musicisti, ricercatori, insegnanti e studenti di ogni ordine e grado, contribuendo reciprocamente allo sviluppo e la diffusione delle proprie ricerche.

Il suo lavoro è stato ospitato in diverse istituzioni tra cui: Queens Museum, New York, USA; Transit Museum, New York, USA; Flux Factory, Long Island City, USA; Museo e Archivio Storico Italgas, Torino, IT; Museo di Scienze Naturali, Torino, IT; Palazzo Barolo, Torino, IT; Kunsthaus Tacheles, Berlino, DE; George Revival Theatre, Melbourne, AU; Fabbrica del Vapore, Milano, IT; Palazzo dell’Arengario, Monza, IT; Teatro Massimo Bellini, Catania, IT. Ha ricevuto premi, borse di ricerca e nomination quali: DE.MO. Movin’up, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (2015);

6° Biennale Giovani Monza, Rotary Club (2015); L’arte di fare la differenza, Museo di Antropologia ed Etnografia-Università degli studi di Torino, Fondazione Altamane Italia, Arteco (2013); Resò Meet-up, Fondazione CRT (2012); Video.it 9, UniCredit Collection (2008). In questi anni ha collaborato con enti pubblici e privati come Fondazioni, Musei, Spazi no-profit, Gallerie d’Arte Contemporanea, Istituzioni di ogni grado d’Istruzione tra cui: Boys and Girls High School Campus, CREATIVE TIME, New York City, USA; Fondazione Sandretto Re Rebaudengo-Dipartimento Educativo, FSRR20years, Torino, IT; Fondazione Merz-Dipartimento Educativo, Ars Captiva e Torino Jazz Festival, Torino, IT; Galleria Moitre Arte Contemporanea, Torino, IT; Opere Scelte Contemporay Art Gallery, Torino, IT. Fra le pubblicazioni più recenti si ricordano: LA CITTÀ NARRANTE, Edizioni Inaudite, monografia co-autoriale con Ernesto Leveque; RUB No.7 Surrealist-Dadaist newsletter; On participation, beyond participation, articolo di ricerca sottoscritto con l’antropologa culturale Alicja Khatchiakian per roots&routes Magazine. Maya Quattropani è inoltre membro attivo della Flux Factory Community con base a New York (USA) e fondatrice del collettivo artistico/musicale The Schrodinger’s Cats.

www.mayaquattropani.com

 

Galleria Moitre

Via Santa Giulia 37/bis, 10121 Torino

Orari: da mercoledì a sabato, ore 16-19 (o su appuntamento)

Ingresso libero

Contatti:

info@galleriamoitr.com  |  +39 3381426301

www.galleriamoitre.com   | www.fotografi-a-torino.it