Giovedì 4 maggio si inaugura al MACRO Via Nizza di Roma www.museomacro.org l’esposizione di sound art dal titolo Otros sonidos, otros paisajes, curata da Antonio Arévalo e Leando Pisano.

otrosonidos Claudia Gonzales - Courtesy of MACRO Roma

otrosonidos Claudia Gonzales – Courtesy of MACRO Roma

La mostra capitolina presenta per la prima volta in Italia i progetti sonori di cinque sound artists cileni. Un vero e proprio viaggio attraverso i meravigliosi e sconosciuti (ai più) paesaggi cileni. Una rilettura fatta attraverso i suoni di contesti geografici posti ai margini a sproposito da altre culture.

otrosonidos Fernando Godoy - Courtesy of MACRO Roma

otrosonidos Fernando Godoy – Courtesy of MACRO Roma

Gli artisti coinvolti sono Fernando Godoy, che presenta un focus acustico sul deserto di Atacama; Claudia González Godoy, che ci racconta lo scorrere del tempo attraverso il rumore dello sgocciolamento del fiume Mapocho; Sebastian Jatz, con un’installazione site specific secondo i principi dell’arpa eolica; Rainer Krause e una voce antropomorfa per raccontare il legame tra il genere umano e il territorio in cui vive e opera artisticamente; Alejandra Perez Nuñez, che propone un’opera interattiva in cui racconta la penisola antartica.

otrosonidos Rainer Krause - Courtesy of MACRO Roma

otrosonidos Rainer Krause – Courtesy of MACRO Roma

Cinque artisti dunque che con il suono, sia esso naturale o artificiale, riflettono sullo spazio creando connessioni sconosciute e spesso inesplorate. Un modo, il loro, di raccontare senza parole narrazioni finora rimaste inascoltate. Una riflessione sul ruolo e l’importanza della sound art nel panorama artistico contemporaneo internazionale, ma anche una profonda considerazione sull’influenza che il suono può avere anche nelle scienze umane e sociali.

Sebastian Jat - Courtesy of MACRO Roma

Sebastian Jatz – Courtesy of MACRO Roma

Un’esposizione, dunque, che coinvolgendo primariamente il senso dell’udito attiva pensieri, sensazioni e osservazioni stimolanti per la comprensione del genere umano e dello spazio che questi occupa sul pianeta.

Article by Virginia Glorioso