ViennaContemporary dal 27 al 30 Settembre 2018

Aljoscha Panspermia, Installation, 2018, Courtesy Anna Nova Gallery. Ph. courtesy ViennaContemporary

L’autunno a Vienna si colora di arte: dal 2015 nella capitale austriaca ha luogo la ViennaContemporary, una delle principali fiere di arte contemporanea in Europa e non solo.

Christina Steinbrecher Pfandt @ A. Murashkin : ph. courtesy ViennaContemporary

Nata nel 2012 come “Viennafair”, acquista il nome e la fisionomia odierna soltanto nel 2015, sotto la direzione di tre firme di spicco del panorama del collezionismo e dell’arte mondiale: Renger van den Heuvel, Dmitry Aksyonov e Christina Steinbrecher-Pfandt, che ne è direttrice artistica.

Renger van den Heuvel (c) courtesy of ViennaContemporary ph. Elsa Okazaki

L’iter per l’ammissione ha inizio ogni dicembre dell’anno precedente e termina nella primavera dello stesso. La scelta delle gallerie avviene tramite un comitato apposito composto da una giuria di galleristi internazionali. Quest’anno dal 27 al 30 settembre verranno ospitate 100 gallerie provenienti da 27 paesi differenti all’interno dell’imponente struttura della Marx Halle, nel cuore della capitale austriaca.

Marx Halle ph. Anita Pravits

La ViennaContemporary è ormai un appuntamento imperdibile per gli amanti dell’arte contemporanea ed è l’unica fiera che, attraverso una cura magistrale delle proprie esibizioni, fonde l’arte dell’Est con quella dell’Ovest. Al suo interno si respira un’aria stimolante in cui si scoprono nuovi talenti e riconfermano i nomi noti del panorama internazionale.

Rainer Paananen, Composition #4, 2018, Courtesy Gallery Taik Persons and the artist.

La fiera prevede tre mostre intitolate “Zone1”, “Explorations” e “Armenia” assieme ad altri programmi più interattivi come workshops per bambini, seminari, discussioni e tour guidati volti a rendere il tutto accessibile per un vasto pubblico.

La “Zone1”, curata da Victoria Dejaco, ospita talenti under 40 austriaci di nascita o adozione, chiamati a raccontare la vita quotidiana e politica, indagando altresì la condizione umana. Gli artisti svelano la propria visione del mondo e si occupano qui dei temi che più scuotono le coscienze collettive nel ruolo di araldi del nostro tempo.

Nell’esibizione “Explorations”, curata da Nadim Samman, si possono ammirare innumerevoli creazioni avanguardistiche. Nomi conosciuti ed emergenti, fianco a fianco, si occupano di temi come la crisi dei rifugiati politici, il “crollo di tutti i sistemi” fino a giungere a opere neo-utopiche. Il risultato è la realtà messa a nudo nella sua instabilità, attraverso lo sguardo di artisti provenienti da tutta Europa.

Susanne Rottenbacher, Dottore XL Variation I, 2017, Courtesy Efremidis Gallery

Nella terza rassegna principale “Armenia, dreaming alive”, curata da Sona Stepanyan, i vincitori del concorso indetto dall’Armenia Art Foundation presentano sei progetti volti a ripercorrere la storia e i grandi cambiamenti che hanno coinvolto l’ex repubblica sovietica. Inoltre una mediateca con interviste e cataloghi consente di approfondire la storia dell’arte e il significato che essa ha assunto in Armenia in parallelo alle vicende politiche e sociali degli ultimi tre decenni.

I tre programmi di accompagnamento della Vienna Art contemporary nascono invece per fare esplorare ai visitatori aspetti meno tradizionali dell’arte: “Talks” presenta conversazioni tenute da artisti, collezionisti, galleristi, giornalisti e direttori di musei che approfondiscono le diverse tematiche inerenti al mondo dell’arte contemporanea in tutte le sue declinazioni; “Living image” fa incontrare musica e arti visive in brevi videoclip, mostrando la potenza che scaturisce dall’unione di questi due linguaggi; “Family” è infine uno spazio dedicato alle famiglie e ai più piccoli, nel quale i bambini sono condotti tramite il gioco e la fantasia nel mondo dell’arte.

In conclusione, la ViennaContemporary rappresenta un “trait d’ union” nel panorama artistico-culturale europeo e costituisce un appuntamento imprescindibile per gli amanti dell’arte contemporanea. Il costo del biglietto giornaliero è di 9€ online o di 15€ in loco, ridotto a 9€ per studenti e anziani, gratis per i minori di 14 anni e per studenti dopo le 15 muniti di un valido documento.

Per maggiori informazioni:

www.viennacontemporary.at